Ricordo della Vespucci - FRATELLI DELLA COSTA - ITALIA Tavola di Messina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricordo della Vespucci

Le tradizioni Marinare > Varie






Ricordo della Vespucci

di Giorgio Bella



Ho prestato servizio di leva dal febbraio al gennaio 1999 presso la Marina Militare Italiana come Furiere logistico servizio caserma (FRL/SC), 2° 99 Compagnia delle Tigri, dalla quale ho preso il nome. Come? ora ve lo spiego ...

Un giorno in caserma un commilitone mi chiamò "tigre", così su 2 piedi, senza una ragione apparente, e io mi girai ... da allora il soprannome mi rimase, forse anche perché ero l'unico di quella Compagnia imbarcato sul veliero più bello del mondo!

La cosa strana è che quel ragazzo l'ho rincontrato a Roma (dove vivo) ed è il fidanzato dell'amica di una mia cugina ... come è strana la vita!

Torniamo a noi. Durante il C.A.R mi fecero la fatidica domanda: imbarcato o a terra? ... e siccome un marinaio senza nave non è un marinaio, e poiché dovevo spendere 10 mesi della mia vita per la Patria, era meglio spenderli in maniera intelligente. E così decisi di diventare un marinaio vero, su una nave.

Non mi avevano chiesto dove volessi imbarcarmi, per cui potevo finire anche su un cacciamine in Albania o su un rimorchiatore a La Spezia ...

Cosi il giorno prima di conoscere la mia destinazione andai con altri commilitoni a vedere la famosa nave scuola "Amerigo Vespucci" nell'Arsenale militare di La Spezia ... di cui peraltro ignoravo addirittura l'esistenza.

Facemmo una rapida visita della nave e tornammo in caserma. Non sapevo che su quella nave avrei vissuto per i nove mesi seguenti! Per me era cosi strano che non sapevo se essere felice o meno … poi col tempo ho appreso che sono stato davvero molto fortunato, anche perché i "furieri" vengono difficilmente imbarcati sulle navi ... figuriamoci sulla "Vespucci" dove - dicono i maligni - servono le raccomandazioni (ma io non ero raccomandato, e allora magari non è affatto vero ciò che si dice)!

Comunque, ormai facevo parte dell'equipaggio (250 persone circa) ed ero addetto alla lavanderia: lavavo, asciugavo e stiravo!

Stavo bene, a turno aprivamo proprio come un negozio e stavamo lì tutto il giorno; a fine turno organizzavamo chiacchierate con amici in lavanderia, un paio di birre, sigarette, musica (avevamo un piccolo stereo comprato in società), tanto per passare il tempo durante i lunghi giorni di navigazione tra un Paese ed un altro. Tutto senza fare casino o roba del genere ... eravamo militari.

Ho compiuto il mio 22esimo compleanno nell'Oceano, eravamo in navigazione da Londra a Tangeri in Marocco (le foto del mio compleanno le trovate sul mio sito); pensate che il pasticcere mi ha fatto anche la torta!

Quando sei imbarcato è come se facessi parte di una grande famiglia, c'è più amicizia, tanto che a bordo tutt'oggi sono rimasti due ragazzi che sono "L5", ovvero leva prolungata, con i quali mi sento ancora.

Sento anche altre persone (per telefono) che attualmente sono civili come me e che erano imbarcati nello stesso periodo durante la leva e che incontro quando mi capita di andare fuori sede per lavoro.

Prima che partissero quest'anno per l'Australia (pensate che rimangono cinque mesi in Nuova Zelanda, beati loro!) sono andato a trovarli a Livorno per salutarli, e meno male che conosco ancora qualcuno a bordo, altrimenti non mi facevano salire!

Ragazzi, è sempre un'emozione salire su quella nave, soprattutto se ci hai vissuto per nove mesi! Ti batte forte il cuore!

Abbiamo navigato due mesi per il Mediterraneo e tre mesi nell'Oceano senza tornare a casa! Io stavo così bene ...

Dopo cena si andava a prora (o poppa) a fumare una sigaretta, ti guardavi intorno, tutto mare, buio, con la brezza sul viso e il rumore delle onde che si infrangono sullo scafo ... quanto ho pensato!

E' una sensazione stranissima, ma allo stesso tempo mi manca.

Durante la navigazione più lunga (15 giorni) abbiamo fatto le Vespucciadi: sono le olimpiadi sulla Vespucci. Tiro alla fune (certi capitomboli!), percorso ad ostacoli, mangiare la pasta bollente senza mani! Che spasso!
Il cibo era ottimo: avevamo 2 panettieri che facevano il pane per tutti, pizza calda anche la notte se li conoscevi, senno' ... nisba!

Il pasticcere invece faceva i dolci la domenica per noi dell'equipaggio, e torte durante i ricevimenti di gala, infatti ad ogni porto straniero c'era un buffet per gli ambasciatori, gli ammiragli e tutte le più alte cariche del luogo. E dopo, pulire tutto e a turno a lavare i piatti!

Ho girato tutto il Nord Europa, Montecarlo, Corsica, Spagna, Portogallo, Belgio, Danimarca, Svezia, Inghilterra, Marocco, un bellissimo viaggio anche se avevi poco tempo per conoscere i posti, su tre giorni di sosta uno era di guardia, uno di comandata per il buffet a bordo e uno per visitare il posto e andare a ballare la sera.

Naturalmente c'erano anche le feste per noi marinai: musica, buffet e sulla nave potevano salire solo donne del posto, invitate il giorno prima!

E poi, un marinaio che marinaio è senza tatuaggi? io ne ho tre, uno fatto prima di partire per la crociera, uno a metà crociera e uno alla fine, fatto a bordo della nave da un mio commilitone molto bravo. Cosa, secondo voi? Il volto di una tigre sul polpaccio!

Pensate poi che in Belgio ho comperato delle sigarette, che conservo ancora; sapete come si chiamano? "Tigra", roba da non credere!





Orzaaaaaaaaaaaaa  da        

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu