Auguri 2012 - FRATELLI DELLA COSTA - ITALIA Tavola di Messina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Auguri 2012

I nostri Zafarranchos > Zaf. della Tavola > Zaf. degli Auguri

                                                                       


Zafarrancho degli AUGURI 2012



         AND   




Lasciata, dopo due anni, l’atmosfera Albertina e in compagnia della Tavola di ACI, quest’anno la Tavola di Messina ha festeggiato il tradizionale Zafarrancho degli auguri presso il Circolo della Motonautica e Velica Peloritana di Messina, suo covo naturale.



  
Vista dello Stretto di Messina


Alle 20.30, in una serata piovosa,  cominciano a vedersi le prime saette lanciate da Zeus e successivamente delle grosse grandinate che non spaventano certamente i nostri Fratelli che cominciano ad arrivare alla spicciolata. La Tavola di ACI è composta dal Lgt Dragonera, da U Cinisi e da Pablo Neruda, accompagnati dalle rispettive Cautive Salvatrice, Isabella e Angela Maria Teresa.


   
L'addobbo della sala


Nel frattempo, a calmare Zeus ci pensa Ulisse che rivolge la sua supplica al Dio amico.



Ulisse dialoga con Zeus


Durante gli arrivi si da fondo all’Aperitivo del Pirata che intrattiene con calore gli intervenuti in paziente attesa dei ritardatari.



Si gusta l'Aperitivo del Pirata


Come da tradizione acquisita, la serata inizia con il “Va Pensiero” con a seguire la lettura dell’Ottalogo e della preghiera dei Fratelli a cura del Fratello Il Tedesco e della sua Cautiva Patrizia.


  
Si canta il "Va Pensiero"

   

   

   
U Cinisi con Isabella, Dragonera, Grazia e il Dott. Ingrao

   
A sinistra Pablo Neruda

   
A sinistra Il Negus e Chitarrina

   
Il Tedesco legge l'Ottalogo   mentre  la sua Cautiva legge la preghiera della Fratellanza


Uncino, il Cannoniere della Tavola,  parte con la sua prima bordata

Al termine, i Pirati, gli infiltrati e i graditissimi ospiti Dott. Giancarlo Ingrao, ex Prefetto di Taranto e del Dott. Salvatore Sciliberto, presidente eletto del Kiwanis Peloro di Messina prendono posto per dare vita ai gozzovigli pirateschi.

Vista dei vari Tavoli


   
Uccia con Ulisse

 



A sn Max, Tic-Tac e Cautiva - Al Centro la Cautiva dell'Artista,  Il Tedesco e Cautiva - A ds Gulliver e Cautiva

 


 
A Sn gli infiltrati Dino costa e Cautiva con la cautiva dell'infiltrato  Enrico La Bruta-  Al centro Ellepì e Cautiva

 
A sinistra Precisino e Cautiva  -  A destra Pablo Neruda e Cautiva

 
A sinistra Tommy e Cautiva  -  A destra Il Negus con l'infiltrato Franco

Nell’intervallo,  tra i primi ed il secondo piatto, il Fr. Nik Balena porta a tutti gli intervenuti i saluti e gli auguri del Presidente del Circolo. A seguire il Lgt la Tavola di Messina, ienaridens, porge i suoi auguri agli intervenuti e porta traccia degli avvenimenti dell’anno in corso augurando un 2013 molto più vivace.


 
A sn gli infiltrati Enrico e Franca  -  A destra Uncino e Chitarrina

 
Il Dott. Ingrao e Grazia  -  Dragonera e Isabella


Nel frattempo il maestro Carmelo Gugliandolo e Carmen ci deliziano con un relax musicale che invoglia al ballo.


Il Maestro Carmelo Gugliandolo e Carmen


Si ha anche il tempo  di dedicarsi ai balli di gruppo e al Twist.

Gli scatenati


 
A sn Il Tedesco e Cautiva  -  A ds Dragonera e Cautiva, Uccia e la Cautiva di Precisino

 



I Fratelli e le Cautive si stanno scatenando

 


Non ci resta che gustare, increduli, tanta vivacità

Dimenticavo del nostro Cannoniere, Uncino, che sin dall’inizio non ci ha dato tregua con le sue Orza, oggi era veramente scatenato.

Grazie agli stop imposti dalla serata, ancorché stanchi, ci siamo fermati al tavolo della frutta e dei dolci che i Pirati divorano accompagnando il tutto con bollicine fresche e rinfrescanti.

Tutti al saccheggio dei dolci e della frutta


 

 

E, per digerire meglio, si riprende a ballare!

 
Wonderful!!! ....... balla anche U Cinisi!!!


Da non credere, anche ienaridens non scherza!!!

 
Qualcuno, stanco, si riposa e .... commenta

 
Uccia, Il Negus e la Cautiva di Uncino si scatenano sempre di più


Ulisse prova un passo particolare di Twist

 
A sn Il Negus si scatena  -  A ds  .... Attenti! ...... U Cinisi stringeeeee


E’ appena passata la mezzanotte e, quando qualcuno accenna a lasciare la sala, tutti indistintamente, decidiamo di cantare la nostra canzone magistralmente  diretti dal Fr. Uccia e dal Maestro Carmelo Gugliandolo; commento finale da parte del Maestro : siete stati bravissimi, l’avete cantata perfettamente ….. è scoppiata la rivoluzione …. tutti alle stelle e giù gli applausi.

Si canta sotto la magistrale direzione del Fratello "Uccia"


 

 


Uccia spiega alla Cautiva del Dott. Ingrao il significato della nostra canzone

 

 

Si, da luogotenente e da persona al disopra delle parti, posso dire che sono stati tutti bravi, Fratelli delle due Tavole, infiltrati e Ospiti, e che hanno certamente eguagliato la prestazione effettuata al Raduno Internazionale di Portorosa.


A seguire si è cantata la “Buonanotte” alias "Pigiama", tipica canzone di chiusura della Tavola.

Una Fratellanza di canterini




 

 

Abbiamo chiuso la serata con il Rum e con gli auguri per il Natale e per il nuovo anno; a seguire gli auguri di ienaridens alla Tavola di ACI e, infine …… tutti a casa.

E, così, ienaridens esulta




Orzaaaaa  Orzaaaaaa, Orzaaaaaa, è stata una bellissima serata e me ne compiaccio, questo il commento del Luogotenente ienaridens.


Cari Fratelli, é passato un'altro anno ma la Tavola pare non invecchiare, i Fratelli sono sempre presenti e sempre più entusiasti ............ alla via così



Vostro     




Pervenuto dalla TAVOLA  DI  ACI


Re : Articolo sulla Festa degli Auguri
Federico Cicirata [cicirata@unict.it]
Inviato : lunedì 24/12/2012 14:16
A : Tavola di Messina; Marcello Bedogni

A Franco Schinardi – Lgt della Tavola di Messina
A Marcello Bedogni- Gran Commodoro della Fratellanza italiana

caro Franco,
lascia che sia io a ringraziarti per l’ospitalità offertaci dalla tua Tavola allo zafarrancho degli auguri. Ringraziamenti non di “forma”, che si è soliti fare , ma sentiti e motivati.

Motivati da cosa? , tu potresti chiedermi. Ed io rispondo , alla tua non espressa, ma altrimenti logica domanda.
Innanzi tutto per averci fatto dono , anche quest’anno come nel precedente , di una splendida serata: elegante, allegra, fraternamente calorosa ed affettuosa (mia moglie ha caldeggiato la partecipazione perché, dice, a Messina mi diverto tanto!!).
Tu potresti forse dirmi che il merito della serata è della ”ciurma”; ma se questa essa è,  il merito non può non essere che di chi tale ciurma ha selezionato (e ti assicuro che anche ad una partecipazione occasionale si percepisce l’attenzione prestata alla sua selezione) e indirizzata verso un atteggiamento che a me sembra essere una delle migliori interpretazioni dello spirito della Fratellanza mi sia stato finora dato adito di conoscere. Poiché questa è la mia ferma convinzione, non ti sorprenderà il fatto che io prenda la tua Tavola (come quella di – poche- altre, Marsala ad esempio), come riferimento per me, del modo in cui io possa più degnamente interpretare il ruolo di Lgt e, più in generale, del modus operandi della mia Tavola. Per concludere, realizzo una piena assonanza di vedute con te, e questo non è poco, affatto.
Le convinzioni non possono e non devono restare mere architetture verbali, prive di concretezza, le convinzioni assumono dignità solo se si tramutano in fatti. In questo spirito, ti faccio una proposta, incrementare le interazioni tra le nostre Tavole. Come? diffondendo ai Fratelli delle nostre Tavole le iniziative che di volta in volta prenderai tu o io. Lo scopo è di far pervenire a ciascun Fratello una messe di proposte: questo stesso fatto (anche in mancanza di una partecipazione attiva) avrà, di per se, un risvolto positivo; in aggiunta, potrebbe favorire brevi gite (siamo geograficamente così vicini !) per passare una serata nella tavola amica per un evento a cui si fosse interessati. Che ne dici? tu pensi possa essere un’iniziativa utile?

Adesso concludo con un fraterno abbraccio ed un sentito grazie rinnovandoti l’augurio di un sereno Natale, nel tepore degli affetti famigliari
Federico – Dragonera

P.S. mi sovviene adesso l’idea di inviare la presente anche al nostro Gran Commodoro perché mi sembra opportuno che venga informato di quanto di positivo avviene nella “periferia” (geografica, ovviamente) della nostra Fratellanza nazionale, e non soltanto delle tante beghe (facilmente ed opportunamente evitabili) che alcuni Fratelli gustosamente alimentano
F.

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu