Altre poesie sul mare - FRATELLI DELLA COSTA - ITALIA Tavola di Messina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Altre poesie sul mare

Poesie e pensieri sul mare


Altre poesie sul mare



Il mare


Dolce ed impetuoso
come un amante.
Ti guardo.
Mi affascini.

La tua voce entra nella mia mente.
Mi lascio accarezzare
dalle tue onde.
Brividi.

Il tuo continuo movimento
culla i miei pensieri
e li porta via
laggiù,
dove l'orizzonte si confonde con il cielo.

(Laura Madoi, 9 Gennaio 2003)


                   


Brezza marina

Lì sul ciglio,
assorta nel silenzio,
ascolto il canto del vento
e con mute parole
dipingo il mare a mio piacimento!

Mare e Vento
da sempre complici ed antagonisti
son la personificazione di attori e registi
in uno scenario naturale straordinario.

La visione è così spettacolare
che sortisce un effetto magico
assai particolare
oggi, come loro,
anch’io immortale.

Spumose onde si rincorrono
in una danza perpetua
per poi schiaffeggiare lo scoglio
graffiandolo,
nell’impatto stille marine
si posano sul viso,
e dall’arsura mi ristoro.

Brezza marina,
ora tocca a te!
Inebriami col tuo potere!
È così che coriandoli d’acqua salata,
rapiti dal celere vento
fluttuano sull’azzurro tappeto
andando altrove,
fino a dissetare sua maestà il Re Sole
immobile spettatore
da sempre assoluto padrone
e gran signore!

Sorrido …
Tra due forze
in continuo movimento,
che mi bagnano ed asciugano le gote
il terzo,
inchiodato lassù nel cielo,
piacere riscuote
e splendendo,
a modo suo,
gode!

(astrell@)





Pensieri

Nei momenti in cui mi sento triste
in quei momenti
dove mi sembra di perdere ogni appiglio
io ti cerco.

Cerco il tuo respiro calmo
calmo come un lieve sussurro.
Piano, piano lo accompagno al mio.

E lo sguardo si perde nella tua immensità.
La mia mente si svuota e si riempie di te.

(Laura Madoi, 12 Agosto 2009)





Che mi dai mare?

Che mi dai mare?
I caldi riflessi del sole,
i dolci sussurri del vento,
un lembo azzurro di cielo!

Le onde non lasciano il segno
e tu, accanto, hai un corpo oramai
stanco.

E’ sera, intorno urla la calma
di un rosso tramonto.
Vorrei un altro giorno,
un giorno per viver felice.

Immerso nei tuoi occhi normanni
mi dici: ti amo ancora, anima mia!

(Francesco Cuda)




I Marosi

Forme oscure si addensano nel cielo,
corrono a salutare l'alba del sole fulgente
che s'affaccia sulla terra ad inondarla di luce e di calore.

Le nubi nere si dileguano all'apparire
sull'orizzonte del disco dorato
come fantasmi che spariscono
al nuovo giorno che inizia.

L'acque del mare
s'infrangono sulla sabbia dorata,
le pietre roteano vorticosamente
nelle onde della risacca.

I marosi ondeggiano sull'infinito oceano
creando illusioni che s'innalzano
al cielo
per poi dileguarsi nelle profondità
del mare.

Il mare rimane fermo, immobile,
seppur l'apparire delle onde in superficie,
non viene toccato dal loro moto errante,
imperterrito continua il suo essere,
a riceve nell'illimitato appagamento interiore.

(Jayan Walter)



                      



Riverbero di luci

Riverbero di luci
scintilla tra le spumose onde
che giocose si rincorrono
nel silenzio di una notte d'inverno.

Gorgoglio d'acque
che s'infrange mormorando
tra gli scogli,
sotto il pontile di pietra.

Tutti giacciono addormentati
nelle loro case,
vicino al rosso focolare acceso,
io solo veglio quell'oscurità frastagliata
dai lampioni gialli tremolanti nel buio,
dai riflessi del mare
di quella vecchia città sul porto.

Il tuo nome io riconosco,
palpita silente d'amore
e carezza calda la mia mano
con la sua dolce brezza di marzo.

Io vedo il tuo respiro
alitare tra le onde
nel gioco d'argento e d'oro
di miriadi di colori
che sorgono e si dissolvono
nel blu dell'ombroso mare.

Io sento il tuo cuore
che batte di vita, di pace infinita:
tu sola sei Dio
ed io sono uno con te.

(Jayan Walter)







Parlami

Parlami mare.
Raccontami le tue infinite storie
Fammi partecipe del tuo mondo
Ammiro la tua bellezza
mi spaventa la tua potenza
Le tue parole arrivano con le onde
S'infrangono nella mia mente
e mi fanno sognare.

(Laura Madoi, 27 Febbraio 2003)





Le canzoni del mare

Fermati sulla spiaggia,
e ascolta la melodia del mare.
Racchiuse sul fondo ci sono le canzoni piu belle.

Canzoni antiche di vecchi pirati, che parlano di donne
e di battaglie.
Canzoni un po stonate, piene di speranze, di pescatori con
le mani seccate che sanno di sale.

Canzoni romantiche d'innamorati allacciati a guardare il
tramonto morire mentre nel cuore nasce la felicita':
Canzoni che le onde spumeggianti trasportano lontano,oltre
il sole e che i gabbiani scuotendo le ali disperdono nell'aria.

In questa notte d'Inverno una canzone in piu ci sara' sul fondo,
la mia voce arrivera' dolcemente a te e questo scrigno segreto fatto di
acqua e di sale, la terra' segreta per me......

(Aurora)



                     



L' uomo e il mare

Uomo libero, sempre tu amerai il mare!
Il mare è il tuo specchio;
tu miri, nello svolgersi infinito delle sue onde, la tua anima.
Il tuo spirito non è abisso meno amaro.

Ti compiaci a tuffarti entro la tua propria immagine;
tu l'abbracci con gli occhi e con le braccia,
e il tuo cuore si distrae alle volte dal suo battito al rumore
di questo lamento indomabile e selvaggio.

Siete entrambi a un tempo tenebrosi e discreti:
uomo, nessuno ha mai misurato la profondità dei tuoi abissi;
mare, nessuno conosce le tue ricchezze segrete,
tanto siete gelosi di conservare il vostro mistero.

E tuttavia sono innumerevoli secoli che vi combattete
senza pietà né rimorsi,
talmente amate la carneficina e la morte,
eterni lottatori, fratelli.

(Charles Baudelaire - 1821-1867)





A te mare


Se solo sapessi esprimere a parole il sentimento che susciti in me quando ti vedo o mio adorato MARE.

Se solo sapessi che spettacolo è vedere la tua calma e la tua serenità,
quando sei celeste e limpido come un neonato,
che ancora non conosce le cattiverie di questa vita.

Se solo sapessi quanta pace infondi nel mio cuore selvaggio.
Se solo sapessi quanto ti vorrei somigliare quando sei agitato,
vorrei avere la tua forza,
quel’impeto travolgente,
quella forza implacabile che solo tu hai,
quella stessa forza che blocca i bastimenti nei porti,
si cosi vorrei essere,
calmo quando serve e implacabile e distruttivo quanto basta per questa vita.

Se solo sapessi cosa darei per rinascere e diventare delfino,
per restarti sempre vicino,
per poter solcare i tuoi fondali,
per poter sentire sulla pelle le tue correnti prima calde e poi fredde,
sentirmi travolgere della schiuma delle tue onde.

Non sai cosa darei.
Se solo sapessi,
che sei il mio faro nella notte più scura,
il mio sentiero sicuro quando scalo gli ostacoli più duri,
il mio pensiero più dolce quando la solitudine attanaglia il mio cuore.

Se solo sapessi che quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto,
che il più bello dei miei momenti insieme a te non l’ho ancora vissuto,
che il più bello dei tuoi tramonti non l’ho ancora visto.

Se solo sapessi tutto questo chissà cosa mi diresti.
Non mi resta che sperare di incontrarci ogni notte nei sogni.
A te che sei parte di me a te che sei tutto per me. A te mare.

(Tina Tardetti)



                      



'o mare


"'O mare fa paura"
Accussì dice 'a ggente
guardanno 'o mare calmo,
calmo cumme na tavula.

E dice 'o stesso pure
dint' 'e gghiurnate 'e vierno
quanno 'o mare
s'aiza,
e l'onne saglieno
primm' a palazz' 'e casa
e pò a muntagne.v Vergine santa...
scanza 'e figlie 'e mamma!

Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde 'a vita,
fa pena.
e ssongo 'o primmo
a penzà ncapo a me:

"Che brutta morte ha fatto
stu pover'ommo,
e che mumento triste c'ha passato".

Ma nun è muorto acciso.
È muorto a mmare.
'O mare nuna cide.
'O mare è mmare,
e nun 'o sape ca te fa paura.

Io quanno 'o sento...
specialmente 'e notte
quanno vatte 'a scugliera
e caccia 'e mmane...
migliara 'e mane
e braccia
e ggamme
e spalle...
arraggiuso cumm'è
nun se ne mporta
ca c' 'e straccia 'a scugliera
e vveco ca s' 'e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,
'e caccia n'ata vota
e s'aiuta c' 'a capa
'e spalle
'e bracce
ch' 'e piede
e cu 'e ddenoccie
e ride
e chiagne
pecché vulesse 'o spazio pè sfucà...

Io quanno 'o sento,
specialmente 'e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
"'O mare fa paura",
ma dico:
"'O mare sta facenno 'o mare".

(Edoardo de Filippo)







Mare

Oggi ti ho incontrato di nuovo.
In silenzio ho ascoltato la tua voce.
Il mio sguardo ha spaziato nella tua immensità.

I tuoi colori, sempre nuovi ai miei occhi,
mi hanno riempito il cuore.
Sei calmo, sereno, invitante.

Ho accettato il tuo invito
e mi sono immersa nelle tue acque
ancora così fresche.

Ogni pensiero si è allontanato
eravamo solo noi due
in queste prime ore del mattino.

(Laura Madoi, 26 Maggio 2003)







Respirandoti fino all'anima

Ti guardo.
Seduta davanti a te, sento il tuo respiro calmo.
La mia vista spazia fino all'orizzonte là, dove ti unisci al cielo
e i suoi colori si riflettono nelle tue acque.

Starei ore ad ammirarti.
In silenzio seguo il tuo movimento, è lento, continuo e le tue onde arrivano lievi.

Mi avvicino,
lentamente allungo una gamba e sento la tua carezza.
Mi sdraio sulla sabbia e, ad occhi chiusi, ne aspetto un'altra e un'altra
ancora.

Mi lascio scivolare e tu mi accogli.
Sento il tuo abbraccio ed il mio corpo perde peso,
mi sento sospesa e sopra di me l'immensità del cielo.

E' come ritornare nel grembo materno,
sentirne quella protezione,
rivivere quegli attimi così ovattati.

Poi, dolcemente, mi riporti a riva e mi adagi sulla sabbia
regalandomi le tue ultime carezze.

(Laura Madoi ,7 Ottobre 2004)





E Guardo 'o mare

... E guardo 'o mare
ma chesta sera l'onne
songhe 'o ritratto
'e sti penziere mieje
veneno e vanno
comme 'e ricorde
ca se perdono

addò l'acqua se vasa c''o cielo.

'A terrazza è deserta
nun me voglio affaccià
nun è 'o mumento
e po' pe' fa che cosa
ma pecché?
meglio a fa finta 'e niente.

... E guardo 'o mare
'nnanze all'uocchie
'a tristezza
'e na pioggia d'autunno.

(Luciano Somma)



                      



Fratello Mare


Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare
mi porto un po’ della tua ghiaia
un po’ della tua luce
e della tua infelicità.

Ci hai saputo dir molte cose
sul tuo destino di mare
eccoci con un po’ più di speranza
eccoci con un po’ più di saggezza
e ce ne andiamo come siamo venuti,
arrivederci fratello mare.

(Nazim Hikmet)

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu